Irite

L'irite è l'infiammazione dell'iride e dei corpi ciliari. Fa parte delle uveiti.

Le uveiti si dividono in anteriori e posteriori (rispettivamente iridocicliti le prime, corioretinite le seconde). Le uveiti possono avere più origini: infettive, traumatiche, autoimmunitarie, idipoatiche. Possono essere singole o associate ad altre malattie sistemiche (morbo di Crohn, Sindrome di Sjogren per esempio). Possono essere inoltre acute e croniche.
I sintomi delle uveiti anteriori sono: dolore oculare, bruciore, fotofobia, calo del visus. I segni oculari sono: miosi, tyndall della camera anteriore, precipitati sull'endotelio corneale. Le posteriori hanno intorbidamento del vitreo e essudati infiammatori retinici.
La terapia è eziologica e cortisonica, locale e sistemica.
Questo disturbo provoca l'ingresso di globuli bianchi provenienti dai vasi della zona infiammata e di proteine provenienti dai vasi dell'iride nell'umore acqueo compreso tra l'iride e la cornea. Se il numero dei globuli è elevato, essi possono fissarsi sui retro della cornea o venire a formare dei sedimenti in seno all'umor acqueo. La causa dell'irite non è nota, ma il disturbo può a volte accompagnarsi con una serie di altre malattie tra cui, ad esempio, l'artrite reumatoide e la spondilite anchilosante. Possono esserne affetti entrambi gli occhi.

Quali sono i sintomi?

C'è una sensazione di fastidio a carico dell'occhio. che diventa arrossato. A ciò si accompagna una leggera riduzione della vista. Se nell'occhio si ha un aumento della pressione, il disturbo può diventare doloroso, anche se nella maggioranza dei casi i sintomi sono di lieve entità.

Quanto è frequente il problema?

L'irite è una malattia non frequente. Ogni anno solo 1 persona circa su 2000 si reca dal medico a causa di questo disturbo. Essa colpisce persone di tutte le età, ma è diffusa soprattutto tra gli adulti giovani. Quali sono i rischi? Se trattata precocemente, Pirite di solito non costituisce un problema grave. Tuttavia, se non consultate un medico, è possibile lo sviluppo di complicazioni. Nell'umore acqueo possono accumularsi un cosi gran numero di globuli bianchi da occludere l'apertura attraverso la quale si ha il drenaggio del liquido e indurre una forma di glaucoma . Questa complicazione può svilupparsi anche se la parte posteriore dell'iride infiammata si salda alla parte anteriore del cristallino, per cui l'umor acqueo rimane intrappolato dietro l'iride. Un irite persistente può portare alla cataratta

Che cosa fare?

Ad ogni sintomo di arrossamento. fastidio e perdita parziale della vista in un occhio, anche se di lieve entità, consultate il medico. Se vi viene diagnosticata una trite, prima viene iniziato il trattamento prima si arresta lo sviluppo della malattia, e più facilmente si eviteranno le eventuali complicazioni.

Qual è il trattamento?

Vengono somministrate gocce di steroidi o pomate oculari per ridurre l'infiammazione; nei casi più gravi, un farmaco steroideo può essere iniettato tra congiuntiva e sclera dopo anestesia locale. Saranno somministrate anche gocce per allargare la pupilla e prevenire l'adesione dell'iride infiammata alla parte anteriore del cristallino. Ogni crescita della pressione intraoculare viene controllata con l'uso di compresse. Anche se trattata precocemente, Un Irite può recidivare, ma in genere il disturbo si risolve completamente.

 

Fonte Wikipedia


Scorrere fino a Top